BIOGRAPHY

Giuseppe Livio was born in Catania on 3 December 1975.

After attending Artistic High School he enrolled at the Fine Arts Academy in Catania, where he graduated in sculpture in 1998. Working in these years alongside Antonio Brancato, his teacher, led to artistic collaboration for the realization of an important bronze monument for San Giovanni La Punta, on Etna.

Livio speaks of those years as a rich period of stimulating artistic promptings, particularly as regards the acquisition of a different engraving technique and of the ancient art of printing. In that period he had precious encounters with different artists including Gianbecchina, Salvatore Incorpora, Sebastiano Milluzzo and Elio Romano.

In 1994 he opened his studio-thinking place in Catania, in which he did sculptures, paintings and copperplates. Ravished by the strength of material, he accepted various commissions that led him to do sculptures in wood and terracotta. He participated in numerous collective and personal exhibitions.

In the years between 1990 and 1997 he matured his idea of painting seen as an absolutely private thing but with public and shared results, a form of exhibited intimacy, strongly feeling the need to go beyond the composure of academic formalism to work with a sign that was free and stained with expressionist forms, which well recount his artistic pathway in that period and lead to a series of symbolic portraits in which the strength of the sign and the vigour of colour do not admit conciliatory compromises towards surrounding society.

1997 was an important year: his work trip to Saltsburg allowed him to hone his sculptural restoration techniques and at the same time to acquire knowledge of new cultures, steeped in the colours of landscapes and the smells of unique materials, which stimulated his innate curiosity towards everything that is new and significant, and this experience was translated into a big series of works.

1999 was a gloomy period for a person that, like him, is used to denying the rigor of rules and the imprisonment of confines. It was the year of his obligatory military service, in which being deprived of freedom to use his time as he chose led to enormous production of a series of faces constantly marked by sadness and by being treated arrogantly.

In 2001 attainment of the qualification for teaching Drawing and History of Art took him to Istanbul. His stay in the great city that is the “gateway to the east”, together with numerous trips to Cappadocia and other places in Turkey, took him into contradictory and very different situations. The allusion to Istanbul is evident in the expressionist works of that period, in which the sign narration takes on a value of lay “mysticism”, one conforming to the amazement of the gaze of the western man regarding rites, ritual, colours and smells belonging to a new culture. In opposition to the noise of the metropolis, Cappadocia, with its silence and isolation from time, prompts an almost monochrome result with the dusty and earthy shades in so many works of his.

From 2002 he settled in Italy again, and until 2005 taught History of Art at various high schools in Lombardy, meanwhile going on with painting activity on a wealth of themes concerning contemporary events.

From 2006 he taught History of Art in Catania and Rome.

From 2008, through the encounter with Giuseppe and Antonio Vitale he became the protagonist of intense exhibition activity, with important personal exhibitions. Among them we can remember the ones at the Ciminiere Modern Art Gallery in Catania, in the crypt of the Old Cathedral in Milazzo Castle, at the former prison of Lipari Castle, at the San Benedetto and Santa Chiara Monastery at Licodia Eubea and at the SPAZIOVITALEin Gallery in Catania.

We can also remember significant participation in artistic-cultural events like “The Night of Culture” on Salina or the first edition of “The Black Sails” on Lipari.

He was also appointed as the artistic coordinator for a sculpture section of the project “The Gateway of Beauty” by Librino in Catania and the artistic coordinator for a painting section regarding the “Great Mother” project for the Polyclinic in Catania. He participated with a big copperplate engraving work of his on a single scene of printed representation on sixteen sheets of paper, done by hand, entitled “Disclosing the perfumes of his image” in the “Rite of light” commissioned by Antonio Presti for the city of Catania.

In June 2014 a personal exhibition of his was organized, curated by Francesco Lucifora, at the Palace of Culture of the city of Catania. It was very successful with the public and was applauded by numerous specialists. Also significant in the narration of the exhibition was the presentation of works realized with dry copperplate technique on paper, done by hand.

In October of the same year he was present at Art Market Budapest, while in December with a big installation of his, entitled "Strong Note”, he was a protagonist of the 2014 “Rite of light.”

In this period there were numerous contacts with some galleries in Paris with which he began some collaborations. That of Giuseppe Livio is tormented and frenetic art, certainly not indifferent to the noise of life, and not only his own life. However, from the end of 2011, in painting he had a period of sweetness and introspection, which had never been so intensely present. This is his cycle of “Lightness.” It is a memorable overview of humanity, a metaphoric chorus of the feelings of man at every latitude and in every time.

His works are present in important public and private collections, and among them we can remember, from 2016, his insertion in the Permanent Collection of Contemporary Art at the Regional Gallery in Palazzo Bellomo in Syracuse in the spaces of “Sant'Agostino Contemporanea - SAC.”

Today he lives partly in Catania and partly on the island of Vulcano, where he cultivates his passion for art, doing paintings and sculptures in which the characteristics of our time are reflected.

Curiosity and experimentation are his untiring fellow-travellers.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Livio nasce a Catania il 3 dicembre del 1975.

Dopo aver frequentato il Liceo Artistico si iscrive all’Accademia di Belle Arti della stessa città dove si laurea in scultura nel 1998. In particolare, la vicinanza in questi anni con Antonio Brancato, suo docente, lo porta ad una collaborazione artistica per la realizzazione di un importante monumento bronzeo per il comune etneo di San Giovanni La Punta.

Livio parla di quegli anni come di un periodo ricco di stimolanti sollecitazioni artistiche, con particolare riguardo all’acquisizione delle diverse tecniche incisorie e dell’antico mestiere di stampa. Di quel periodo preziose le conoscenze con diversi artisti tra cui Gianbecchina, Salvatore Incorpora, Sebastiano Milluzzo, Elio Romano.

Nel 1994 apre il suo studio pensatoio a Catania, nel quale realizza opere scultoree, pittoriche e calcografiche. Rapito dalla forza della materia, accetta svariate committenze che lo portano alla realizzazione di sculture in legno e in terracotta. Numerose le sue partecipazioni a mostre collettive e personali.

Negli anni tra il 1990 e il 1997 matura la sua idea di pittura intesa come un fatto assolutamente privato ma con esiti pubblici e condivisi, una forma di esibita intimità, sentendo forte l’esigenza di sconfinare al di là della compostezza di un accademico formalismo per ritrovarsi nel segno libero e sporco di forme espressioniste, che ben raccontano il suo percorso artistico di quel periodo e che sfociano in una serie di ritratti emblematici in cui la forza del segno e il vigore del colore non ammettono compromessi conciliatori nei confronti della società circostante.

Il 1997 rappresenta un anno importante: il viaggio lavoro a Salisburgo gli consente di affinare le tecniche del restauro scultoreo e di acquisire nel contempo la conoscenza di nuove culture, intrise dei colori di paesaggi e degli odori di materiali unici, che stimolano la sua innata curiosità rispetto a tutto ciò che è nuovo e significante e che vengono tradotti in una serie copiosa di opere.

Il 1999 segna un periodo d’ombra per chi, come lui, è abituato a negare il rigore delle regole e la prigionia dei confinamenti. È l’anno del Servizio di Leva obbligatorio, nel quale la negazione della libertà del proprio tempo spingono la sua mano alla straripante produzione di una serie di volti costantemente accentati di tristezza e segnati d’arroganza.

Nel 2001 il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento per Disegno e Storia dell’Arte lo porta ad Istanbul. La permanenza nella grande città “porta d’oriente”, unitamente a numerosi viaggi in Cappadocia e in altri luoghi della Turchia, lo porta a vivere situazioni contrastanti e diversissime. Il richiamo ad Istanbul è evidente nelle opere espressioniste di quel periodo, in cui la narrazione segnica acquista una valenza laicamente “mistica”, ovvero rispondente allo stupore dello sguardo dell’uomo occidentale rispetto a riti, rituali, colori e odori appartenenti ad una nuova cultura. In antitesi al chiasso della metropoli la Cappadocia, con il suo silenzio ed isolamento dal tempo, suggerisce l’esito quasi monocromo dalle tinte polverose e terrose di tante sue opere.

Dal 2002 è definitivamente in Italia e fino al 2005 insegna Storia dell’Arte in vari licei della Lombardia con un’attività pittorica che conosce la ricchezza di temi che riguardano la cronaca contemporanea.

Dal 2006 è docente di Storia dell’Arte tra Catania e Roma.

Dal 2008, l’incontro con Giuseppe e Antonio Vitale lo vede protagonista di un’intensa attività espositiva in importanti mostre personali tra cui ricordiamo quelle alla Galleria d’Arte Moderna “Le Ciminiere” di Catania, alla Cripta del Duomo Antico del Castello di Milazzo, alle Ex Carceri del Castello di Lipari, al Monastero di San Benedetto e Santa Chiara di Licodia Eubea e alla Galleria SPAZIOVITALEin di Catania.

Possono altresì annoverarsi partecipazioni significative a manifestazioni artistico-culturali come “La Notte della Cultura” di Salina o la prima edizione di “Le Vele Nere” di Lipari.

Viene inoltre nominato coordinatore artistico per una sezione di scultura del progetto “La Porta della Bellezza” di Librino a Catania e coordinatore artistico per una sezione di pittura per quanto riguarda il progetto “La Grande Madre” per il Policlinico di Catania. Una sua grande opera calcografica ad unica scena di rappresentazione stampata su sedici fogli di carta a mano dal titolo “Svelando i profumi della sua immagine” lo vede partecipare al “Rito della luce” voluto da Antonio Presti per la città di Catania.

Nel giugno del 2014 viene organizzata una sua mostra personale, a cura di Francesco Lucifora, presso il Palazzo della Cultura della città di Catania che riscuote grande successo di pubblico e il plauso di numerosi addetti ai lavori. Significativa nella narrazione della mostra è la presentazione, tra l’altro, di opere realizzate con tecnica calcografica a secco su carta fatta a mano.

Ad ottobre dello stesso anno è presente presso Art Market Budapest, mentre a dicembre una sua grandissima installazione, dal titolo "Forte Nota”, lo vede protagonista del “Rito della luce” 2014.

In questo periodo sono numerosi i contatti con alcune gallerie di Parigi con le quali iniziano delle collaborazioni. Un’arte tormentata e frenetica quella di Giuseppe Livio, senz’altro non indifferente al rumore della vita, non solo propria, che però, dalla fine del 2011, conosce in pittura un periodo di dolcezza e introspezione mai così intensamente frequentata. È il suo ciclo della “Leggerezza”. Una memorabile carrellata d’umanità, un metaforico coro dei sentimenti dell’uomo ad ogni latitudine e di ogni tempo.

Sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private tra cui ricordiamo, dal 2016, l’inserimento nella Collezione Permanente d’Arte Contemporanea della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo di Siracusa presso gli spazi di “Sant’Agostino Contemporanea – SAC”.

Oggi vive tra Catania e l’Isola di Vulcano dove coltiva la sua passione per l’arte, realizzando pitture e sculture in cui si riflettono le caratteristiche del nostro tempo.

La curiosità e la sperimentazione sono le sue instancabili compagne di viaggio.

 EXHIBITIONS, REALIZATIONS, COLLABORATIONS

2018

-     Arcaica, a cura di Francesco Piazza e Antonio Vitale. Mostra personale. Museo Emiluo Greco, Catania

-     Arcaica, a cura di Francesco Piazza e Antonio Vitale. Mostra personale. Museo Civico di Noto, Noto [Siracusa]

-     Arcaica, a cura di Francesco Piazza e Antonio Vitale. Mostra personale. Galleria d'Arte Contemporanea "Giuseppe Veniero project", Palermo. Evento artistico inserito nel programma di

       "Palermo 2018 - capitale italiana della cultura"


2017

-     Imago Mundi, Luciano Benetton Collection. Art collection. Cantieri Culturali alla Zisa, Palermo

-     Carta, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     In Principio, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     Eccetera, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     2Days – Al di là del gesto, un’immagine a confronto, a cura di Antonio Vitale. Rassegna d’arte contemporanea. Sala Erborèa – Borghetto Europa, Catania

-     Mare Tra, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Evento artistico-culturale de “La Notte della Cultura VII edizione”. Centro Studi – Salina, Isole Eolie [Messina]

-     Mare Tra, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Hotel Garden – Vulcano, Isole Eolie [Messina]

-     Art in Law – Personale di Giuseppe Livio, a cura di Gianfranco Molino. In collaborazione con la Fondazione Antonio Presti e Fiumara d’Arte. Catania


2016

-     XIII edizione premio OpenArt 2016. Mostra collettiva. Teatro dei Dioscuri al Quirinale, Roma

-     L’Arma dell’arte contro la violenza, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva promossa ed organizzata dall’Arma dei Carabinieri. «Sala Caravaggio» della Soprintendenza BB.CC.AA. di Siracusa

-     Urgere Urgere Urgere, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     La Collezione. Collezione permanente d’arte contemporanea della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo, a cura di Ornella Fazzina, Giovanna Susan e Antonio Vitale. Progetto museografico di Francesco Piazza. SAC -           Sant’ Agostino Contemporanea, Siracusa

-     Travisibile, a cura di Francesco Piazza e Antonio Vitale. Mostra collettiva . A.C. SPAZIOVITALEin, Catania


2015

-     Oscar Mondadori. Inserimento su catalogo «50 anni di Oscar»

-     Uova d’autore, a cura di Marella Ferrera. Mostra collettiva. MF Museum&Fashion, Catania

-     Sguardi d’autore, a cura di Giorgio Grasso. Mostra collettiva. Scuderie Villa Borromeo d’Adda di Arcore, Monza


2014

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Galleria BIN 11, Torino

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Atelier Giorgi, Torino

-     Fertilità visive, a cura di Diego Gulizia. Mostra collettiva. Palazzo Moncada, Caltanissetta

-     Perfect Volcano, a cura di Francesco Lucifora. Mostra personale. Palazzo della Cultura, Catania

-     Art Factory04. Fiera d’arte moderna e contemporanea. Complesso fieristico «Le Ciminiere», Catania

-     Art Market Budapest, a cura di Daniela Arionte. Mostra collettiva. Budapest [Ungheria]

-     RITO DELLA LUCE - solstizio d'inverno, di Antonio Presti. Evento artistico-culturale. Istituto Amerigo Vespucci, Catania


2013

-     L’ininterrotto punto, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Cripta del Duomo Antico del Castello di Milazzo [Messina]

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. “Notte della Cultura”, Santa Marina Salina [Messina]

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Ex Monastero di San Benedetto e Santa Chiara, Licodia Eubea [Catania]

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. Castello di Lipari - Ex Carceri [Messina]

-     Invasioni Rubate Evasioni, a cura di Antonio Vitale. Mostra personale. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     ICONE - immagini dal contemporaneo, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     RITO DELLA LUCE - solstizio d'inverno, di Antonio Presti. Evento artistico-culturale. Liceo Enrico Boggio Lera, Catania


2012

-     Tempoquattroquarti, a cura di Giuseppina Radice. Evento inserito nel ciclo Nomadie di Antonio Vitale per Etnafest Arte 2012. Mostra personale. Galleria d’Arte Moderna “Le Ciminiere”, Catania

-     Diversi mai uguali, a cura di Antonio Vitale. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania


2011

-     SPEAKER’S CORNER, a cura di Alessandro Fangano. Mostra collettiva. “Vecchia Dogana”, Catania

-     Firenze degli Iblei, a cura di Salvatore Paolo Garufi. Premio Militello. Mostra personale. Auditorium San Domenico, Militello in Val di Catania [Catania]


2009

-     Caro Pan - decima edizione, a cura di Giuseppina Radice. Mostra collettiva. A.C. SPAZIOVITALEin, Catania

-     Giuseppe Livio - Giuseppe Lombardo, a cura di Elisa Mandarà. Mostra bi-personale. “Cantine Privitera”, Gravina di Catania [Catania]


2008

-     IO. Mostra personale. Teatro Comunale di Misterbianco [Catania]

-     L’arte totale, a cura di Andrea Dipré. Mostra personale. “Magazzini Sonori”, Catania

-     A volte l’urlo serve, a cura di Giuseppina Radice. Mostra personale. “Cantine Privitera”, Gravina di Catania [Catania]


2007

-     1996-2006. Mostra personale. FIDAPA di Misterbianco [Catania]

-     Tra forma e colore, a cura di Andrea Dipré. Mostra collettiva. Roma


2001

-     Partecipa in collaborazione con lo studio Vaccaielli, al restauro di oggetti per il Museo Diocesano di Catania


2000

-     Realizzazione di un fregio in bronzo per l'autoreparto del Comando della Marina di Augusta [Siracusa]

-     Etna in scena 2000. Realizzazione bassorilievo in terracotta. Villa Comunale di Zafferana Etnea [Catania]


1999

-     Collabora col maestro Antonio Bancato alla realizzazione di una scultura in bronzo per la piazza centrale del Comune di San Giovanni La Punta [Catania]


1998

-     Segni sulla carta. Mostra collettiva. Comune di Piedimonte Etneo [Catania]

-     L’arte dell’incisione. Mostra collettiva. Castello di San Marco Calatabiano [Catania]


1997

-     I colori dello sport, Universiadi. Mostra collettiva. Chiesa di San Nicolò La Rena, Catania


1996

-     Restauro edificio settecentesco. Salisburgo [Austria]


1995

-     Restauro Trono ligneo del settecento. Chiesa Santa Rita, Catania


1994

-     Messaggio di primavera. Mostra collettiva. Galleria “La Vite”, Catania

-     Restauro del Cristo in cartapesta. Chiesa Santa Rita, Catania